Blog: http://saskha.ilcannocchiale.it

Il lungo percorso di decrescita

Ormai tutti sapranno ( e forse non ne potranno + di post sui blog che ne parlano XD) cos'è il downshifting, una scelta che spero si ampli sempre di più anche in italia e che non sia solo una moda passeggera del momento, comunque...

parliamo di decrescita, del vivere semplice, di iniziare a fare consumi più consapevoli, di riciclo creativo, di orti sul balcone e piccoli lavori fatti a mano, scelte piccole che chiunque può cercare di fare e che sto cercando in questi anni di adottare...

una delle più importanti in questo ultimo anno, per me, è l'orto. ho sempre amato affondare le mani nella terra, piantare semini nella terra scura e umida per poi veder nascere un puntino bianco... veder nascere e crescere le piante per me ha un qualcosa di magico, alla stregua di un'esperienza mistica; 

ma a milano più che spezie e odori in balcone non ho osato, anche perchè ho sempre abitato in zone ad alto concentrato di smog, quindi non era proprio il caso anche volendo,  e a genova men che meno!

una volta lasciata la grande città, la prima casa a novi aveva solo un balcone striminzito, in cui ho iniziato a sperimentare con lavanda, calendula, peperoncini e patate.. le zucchine in vaso sono state un fallimento, ancora non so cosa sbagliai, ma ebbi una infinita produzione di fiori e zero zucchine, con mio enorme disappunto :P

ora, da un annetto abbiamo cambiato casa, abbiamo comprato un appartamento in questa cascina dell'800 restaurata e divisa in sei appartamenti, con cortiletto box e dietro al box, una strisciolina di terra che i precedenti padroni avevano lasciato in stato di abbandono per 5 anni..

Ho iniziato a lavorarla un po' a marzo, ho visto che era bella piena di lombrichi, (sotto alle miriadi di radici immense delle erbacce proliferate in tutti quegli anni di abbandono :/)  e anche se il terreno è piuttosto compatto ed argilloso, ho preferito non andarci subito a scovolgere il suo equilibrio con la sabbia, ma provare prima a vedere un po' che produzione faceva.

a parte la sconfitta dei peperoni e delle melanzane, cresciute poco e poche, per il resto sono abbastanza soddisfatta :) ho avuto zucchine e cetrioli a profusione, insalata poca perchè la lotta alle lumache nonostante i miei sforzi ha visto vincere più loro che me, e pomodori a pacchi fino a luglio.. sì perchè il raccolto di agosto è andato praticamente buttato, ahimè.

ho provato tutti i rimedi che conoscevo, contro le cimici, ma non c'è stato niente da fare: macerato d'aglio, acqua e sapone di marsiglia, alcool e cenere, boh niente. si buttavano a terra due secondi appena spruzzate, cercavo di ammazzare a mano il più possibile ma il giorno dopo i pomodori erano pieni come se niente fosse >___<

vabbè che dire, devo ancora imparare, spero di trovare presto una soluzione ecologica contro quelle maledette puzzole succhiapomodori T__T
anzi se qualcuno di voi ne conosce, sono tutta orecchi! 

alla fine mi sono consolata con fragole e zucche: sulle zucche ho proprio improvvisato, perchè sulle altre  verdurine ogni tanto ho dato una mano ai miei che hanno un bell'orticello dietro casa, ma la zucca non la amano  e quindi non ne ho mai seguito la produzione.. e devo dire che veder crescere quel cosino giallo da grosso come un mandarino ad una roba arancione che fai quasi fatica ad alzare, è davvero una soddisfazione unica!!! *__*

poi io adoro la zucca in tutti i modi, presto metterò qualche ricettina delle mie :)
le fragole sono un discorso a parte... sono davvero prolifiche, dovrò leggere di più su di loro per capire come aiutarle a moltiplicarsi, hanno fatto un sacco di figlioletti allungati però in posti un po' improbabili!  e la cosa assurda è che, visto il tempo matto che ha fatto fino ad ora, con le stagioni spostate almeno in ritardo di un mese, ho raccolto fragoloni fino a 10 giorni fa... sono proprio sfasate porelle!




Pubblicato il 29/11/2011 alle 16.31 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web